… con Alessandro Rivi, Tecnico dell' Juniores dell' Audace Legnaia

Alessandro Rivi:” Con il Presidente Baldassari e il DS Chiari ci incontreremo nei prossimi giorni, per valutare il futuro, anche se, mi piacerebbe cimentarmi alla guida di una prima squadra”.
07.05.2019 20:19 di Antonio Bruno   Vedi letture
Fonte: La Redazione di Sport a Km 0
… con  Alessandro Rivi, Tecnico dell' Juniores dell' Audace Legnaia

Il tecnico Alessandro Rivi a mente serena, dopo la vittoria del Campionato Juniores Regionale, analizza la vittoria del Campionato, insieme ai due anni passata sulla panchina giallo blu e parla delle sue aspettative per la prossima stagione e del suo futuro di Allenatore. Alessandro Rivi:”Per noi è stata stagione importante dove siamo partiti sin da subito con l’idea di migliorare il piazzamento dell’anno precedente che voleva dire in termini calcistici vincerlo e i risultati ci hanno dato ragione perché fin da subito abbiamo iniziato ad ottenere i risultati che ci hanno permesso di prendere la testa della classifica alla quinta giornata e non lasciarla più ; abbiamo nel periodo di novembre dicembre avuto anche un buon margine di vantaggio sulle dirette inseguitrice e un calo nel girone di ritorno come era prevedibile, ma soprattutto perché avevamo parecchi scontri diretti in trasferta. Allo stesso tempo, nel nostro cammino si è inserita una rivale che ha disputato un campionato importante e che ha lottato con noi sino alla fine con grande sportività e non mi rimane altro che fargli i complimenti e fargli un grande in bocca al lupo per la Coppa Toscana”. Il Tecnico, poi, si sofferma ad analizzare i due campionati che ha vissuto da protagonista sulla panchina dell' Audace Legnaia:” Il campionato, appena concluso è stato un campionato molto più duro rispetto a quello dell' anno precedente, perché c’erano delle ottime squadre con grandi organici e guidate da allenatore altrettanto bravi e, forse non ha vinto la squadra migliore ma a mio modo e parere ha vinto la squadra più continua, la più quadrata e la squadra più solida infatti i numeri dicono che siamo la squadra che ha fatto più punti di tutte le squadre nei 4 gironi juniores, il miglior attacco anche se in concomitanza con il Pontassieve, la miglior difesa e il miglior capocannoniere Dario Cecchi con 28 centri.Numeri importanti per una piccola società come la nostra che ha battuto società importanti che in passato hanno militato in categorie importanti ”. Alessandro Rivi è un fiume in piena e lo coinvolgiamo, sui successi ottenuti dal Padre, Allenatore di calcio e della sua voglia di vincere almeno il 10% di quanto ha vinto il Padre. Alessandro Rivi:”Hai ragione, mio padre è stato un allenatore con un curriculum importante a livello giovanile tra gli anni 70 ed inizi degli anni 2000, dove ha vinto molto. Ma... soprattutto ha avuto tra le sue file parecchi giocatori che adesso stanno facendo carriere importanti sia da giocatori che a loro volta, da allenatori; il mio obiettivo come ho già detto, sarebbe vincere un 10%dei suoi trofei, sarà molto difficile. Ma... mai dire mai, il suo consiglio più importante è stato quello di lavorare sempre con impegno, costanza, dedizione e, quello che secondo me conta è che fa la differenza in queste categorie è l’umiltà, la determinazione e la passione, caratteristiche fondamentali, per poter raggiungere qualsiasi obiettivo”. Naturalmente al Tecnico Alessandro Rivi, non dispiacerebbe riuscire a fare il salto ed allenare una prima squadra, una squadra di grandi, come ci spiega:” Sinceramente l’idea di cimentarmi alla guida delle prime squadre è una idea che ho già da un po’ di tempo e anche al termine dell’anno scorso era maturata l’ipotesi, dopo la salvezza conquistata in Prima Categoria. Ma … poi di comune accordo con la Società abbiamo deciso che era meglio che rimanessi alla guida della formazione juniores e puntare alla vittoria del campionato che è arrivata al termine di questa stagione”. Il futuro di Allenatore di Alessandro Rivi:”Adesso La Società dopo la gioia per la nostra vittoria deve digerire il dolore per la retrocessione amara della prima squadra e quindi nei prossimi giorni ci siamo dati appuntamento per vedersi e parlare insieme al presidente Silvano Baldassari e il DS Graziano Chiari dei programmi per la nuova stagione e per definire se le nostre strade continueranno ancora insieme per programmare il futuro, oppure se si divideranno. Ripeto il sottoscritto, lo dico con molta sincerità non ha avuto nessun contatto con altre società, è molto tranquillo ed aspetta con molto serenità la situazione adatta per poter continuare il mio rapporto con la Società Gialloblù, oppure decidere di sedersi su una panchina di un altra società . Una cosa però mi sento di dirla in maniera sincera e senza passare da presuntuoso , penso di essere pronto per fare il salto alla guida di una prima squadra”.