Arezzo vs Pro Patria 3 - 1

L' Arezzo vince e convince e con la Pro Patria ritrova il sorriso e il gusto del successo. In gol Cutolo e prima doppietta per Gori
29.09.2019 21:58 di Antonio Bruno   Vedi letture
Fonte: La Redazione di Sport a Km 0
Arezzo vs Pro Patria 3 - 1

Arezzo vs Pro Patria 3 - 1

AREZZO (3-5-2): 1 Pissardo; 16 Luciani, 4 Nolan, 27 Baldan; 14 Piu (37' st 2 Mosti), 8 Foglia, 31 Volpicelli (30' st 29 Tassi), 23 Rolando, 7 Belloni (23' st 13 Ceccarelli); 10 Cutolo (37' st 30 Cheddira), 18 Gori. A disposizione: 22 Daga, 9 Mesina, 15 Sbarzella, 20 Caso, 21 Benucci, 25 Sussi, 28 Raja, 33 Dell’Agnello. Allenatore: Daniele Di Donato.
 

PRO PATRIA (3-5-2): 1 Tornaghi; 5 Molnar, 19 Lombardoni, 3 Boffelli; 20 Cottarelli, 21 Colombo (34' st 8 Brignoli), 14 Bertoni, 23 Ghioldi (22' st 11 Parker), 15 Galli (34' st 26 Masetti); 18 Defendi (22' st 27 Kolaj), 9 Mastroianni (22' st 10 Le Noci). A disposizione: 22 Angelina, 2 Marcone, 4 Battistini, 17 Spizzichino, 24 Molinari, 25 Ferri. Allenatore: Ivan Javorcic.

Arbitro: Marco Monaldi di Macerata (Francesca Di Monte di Chieti - Francesco Ciancaglini di Vasto).

Reti: pt 25' Gori, 28' Defendi; st 8' Cutolo, st 24' Gori.

Note:Spettatori: 1.500 circa. Recupero: 2'+ 4'. Angoli: 3 – 3. Ammoniti: pt 30' Luciani, 42' Di Donato; st 3' Ghioldi, 43' Molnar.

Successo importante dell 'Arezzo che vince con merito contro una delle squadre più forti del girone ed i tre punti conquistati valgono davvero tanto, non solo per la classifica .. ma per il morale, dove l'Arezzo può davvero prendere coscienza dei propri mezzi ed ambire a costruire qualcosa d'importante per questa stagione.

Infatti, superata la prima fase di studio l' Arezzo passa in vantaggio con Gori, bravo a girarsi in area e spedire il pallone, dove Tornaghi non ci può arrivare. Giusto il tempo di gioire e gli ospiti raggiungono il pareggio. L' ex di turno, Defendi, raccoglie un cross in area, controllo e pallone alle di Pissardo e tutto da rifare per l' Arezzo.

La Pro Patria adesso prende coraggio e comincia a guadagnare una certa supremazia territoriale, con l' Arezzo che chiude gli spazi, si difende con ordine, per .. poi .. crescere nel finale e sfiorare in due circostanze il gol. La prima su un tiro cross di Belloni e pallone deviato in angolo da un difensore che mette fuori causa il proprio portiere e pallone che esce d'un soffio. Poi con Gori, pronto a battere a rete e Tornaghi per poco non combina un pasticcio, con il pallone che gli sfugge dalle mani, per poi riagguantarlo sulla linea di porta.

Il momento decisivo del match, si registra ad inizio ripresa, quando la Pro Patria da continuità alla sua azione offensiva, guadagnando una certa supremazia territoriale e dando in questo modo continuità, alla sua azione offensiva e in questa fase, esce fuori il migliore Arezzo che non si lascia intimorire. Non butta mai via la palla e cerca con convinzione delle ripartenze veloci, con un'azione manovrata, sempre incisiva, con il passare dei minuti. Luciani apre il gioco sulla fascia opporta per Belloni che chiama in causa Volpicelli che cerca di bucare la difesa ospite, però, viene chiuso con mestiere dagli avversari.

E' il preludio al gol infatti poco dopo Arezzo in avanti che si guadagna un calcio piazzato dal limite, battuto con intelligenza Cutolo, con una conclusione rasoterra che beffa la barriera e pallone che si va ad insaccare all'angolino più lontano di Tornaghi. La reazione dell 'undici di Mister Ivan Javorcic è immediata e Defendi si divora la più facile dell' opportunità, con Pissardo fuori causa e porta spalancata, spedisce il pallone in curva sud ed Arezzo graziato in questa circostanza.

Naturalmente questo episodio non intacca minimamente la prestazione degli amaranto ed i meriti del successo, perchè resta solo una parentesi e l' Arezzo mette in cassaforte il risultato. Ancora Gori a segno e doppietta per lui, con l' attaccante che in area trovo lo spazio per superare ancora Tornaghi con un bel gesto atletico, per controllo, rapidità di movimento e visione della porta.

Ivan Javorcic cerca di correre ai ripari, effettuando 5 cambi nel giro di 10 minuti, però l' Arezzo è davvero in giornata di grazia e non concede niente, con la Pro Patria che con il passare dei minuti scompare dal campo ed è sempre più Arezzo, in grado di chiudere il match in crescendo e sfiorare in altre due occasioni di arrotondare ancora il risultato, con Cheddira, atterrato in area, nel tentativo di cercare lo spazio per colpire e fallo che il Direttore di gara lascia correre e poco dopo da buona posizione non inquadra la porta.

Va bene così, perchè finalmente si è rivisto l'Arezzo del pre campionato, in grado di dire la sua e di dare fastidio a tutti.