Follonica Gavorrano vs Poggibonsi 1 - 1

22.11.2021 18:13 di Antonio Bruno   vedi letture
Fonte: Ufficio Stampa US Poggibonsi, Giulio Valenti
Follonica Gavorrano vs Poggibonsi 1 - 1

Follonica gavorrano vs Poggibonsi 1 - 1

Follonica Gavorrano: Ombra, Bruni, Coccia, Dierna, Del Rosso (31’st Fremura), Grifoni, Trovade (14’st Berardi), Mugelli, Arduini (44’st Rosini), Fontana, Giustarini (41’st Rosati). Allenatore: Bonura. A disposizione: Nannelli, De Paolis, Giustarini G., Fofana, Ampollini.

Poggibonsi: Venè, Marafioti (20’st Rimondi), Simoncini (33’st Poggesi), Mazzolli, Borri, Frosali, Muscas (36’st Manfredi), Camilli, Bellini (16’st Donati), Regoli, Riccobono (16’st Nicoloso). Allenatore: Calderini. A disposizione: Pacini, De Vitis, Barbera, Cioni.

Marcatori: 24’st Giustarini rig. (F), 43’st Manfredi (P)

Arbitro: Silvio Torreggiani (Civitavecchia), Assistenti: Davide Fabrizi (Frosinone), Edoardo Salvatori (Tivoli)

Ammoniti: Del Rosso, Bellini, Coccia, Simoncini, Camilli, Mazzolli, Manfredi

Espulso: al 28’st Coccia (F) per somma di ammonizioni

Angoli: 7-4

Il Poggibonsi strappa un prezioso pareggio sul campo della corazzata Follonica Gavorrano, fermando i maremmani sul risultato di 1-1. Un punto che fa morale e classifica per il Leone giallorosso, capace di dar vita a una prova ordinata e di compattezza. La squadra di Calderini fa una gara di attesa e di ripartenza, chiudendo ogni varco ai minerari. Un dubbio rigore trasformato da Giustarini porta avanti il Follonica Gavorrano al 24’ della ripresa. Il Poggibonsi sfodera una reazione impetuosa e a tre minuti dal termine ci pensa il giovane Manfredi a rimettere le cose a posto, siglando un autentico gioiello con una girata mancina.

Mister Calderini sorprende tutti, puntando sul portiere under Venè, complice le condizioni precarie delle quote classe 2000 Cecchi e Donati. Al centro della difesa si forma di nuovo la coppia Borri-Frosali. Il resto della formazione è quella annunciata.
Il Follonica Gavorrano come da copione conduce le operazioni voglioso di fare bottino pieno, sfruttando lo scontro tra Arezzo e San Donato Tavarnelle.
Al 3' su un tiro dalla bandierina di Del Rosso, Dierna sbuca in mezzo al traffico, senza riuscire ad impattare il pallone con forza.
Il Poggibonsi ci prova con delle ficcanti ripartenze, come al 9', quando Muscas fugge sulla sinistra, pennellando al centro per Camilli, che da ottima posizione manca il colpo di testa ravvicinato.
Al 15' il primo intervento del portiere giallorosso Venè. Galoppata di Trovade sul binario destro.
Servizio dentro per Fontana, anticipato però dall'uscita bassa dell’estremo difensore classe 2002.
Al 19' pericolosissimo il Follonica Gavorrano. Su situazione di calcio d'angolo, Fontana approfitta della respinta pigra di Venè, ma lo stacco di testa della punta maremmana viene salvato sulla linea da Regoli.
Il Poggibonsi, quando si affaccia in avanti, dimostra di essere minaccioso. Al 24' sull’infilata di Simoncini, arriva in corsa Riccobono, il cui diagonale si infrange però sul difensore Bruni.
Al 30' i valdelsani rischiano l'autogoal. Trovade calcia di potenza; il pallone viene prolungato da Camilli e sfila a fondo campo a Venè battuto.
Occasione nitida per il Poggibonsi al 34’. Sull’angolo di Mazzolli, Frosali prova la rovesciata. Il pallone carambola su Borri, che da pochi passi spara fuori.
Al 41' il Follonica Gavorrano manca la rete per tre volte nella stessa azione. Giustarini coglie il palo pieno con la staffilata dentro l'area. La sfera finisce sui piedi di Trovade, sulla cui conclusione a botta sicura si immola Simoncini. A rimorchio arriva poi Coccia, che sgancia un siluro che muore a lato.
Risponde il Poggibonsi un minuto dopo. Palla deliziosa disegnata da Regoli per Bellini. Il trequartista giallorosso riesce a sfondare, ma il suo tiro si infrange sull'esterno della rete.
Nella ripresa il Follonica Gavorrano alza il baricentro.
Al 9'st risulta provvidenziale la chiusura di Borri, eccezionale nello sbarrare la strada a Mugelli lanciato a rete. Sessanta secondi più tardi il portiere del Leone Venè è attento nel bloccare in due tempi la rasoiata di Giustarini dal limite.
Ancora reattivo l’estremo difensore del Poggibonsi al 13’st: pasticcio di Marafioti, che, nel tentativo di offrire il retropassaggio allo stesso Venè, regala il pallone a Fontana.
L'attaccante maremmano però sbatte prima sul numero 1 giallorosso e poi appoggia la ribattuta sull'esterno della rete.
Da segnalare al 20’st l’infortunio al terzino Marafioti, che compie un movimento scomposto con il ginocchio e si accascia a terra urlando di dolore. Le condizioni del classe 2003 giallorosso, da valutare in settimana, destano preoccupazione. 
La partita si sblocca al 24’st. Generoso il rigore concesso dall’arbitro Torreggiani. Su una rimessa laterale Mazzolli prende posizione su Fontana, sbilanciando fallosamente il centravanti locale. Vibranti proteste del Poggibonsi per un contatto che appare lieve. Dagli undici metri Giustarini trafigge Venè, portando in vantaggio la squadra di mister Bonura.
Il Poggibonsi però non si scompone e si riversa con rabbia nella metà campo dei biancoblù. Su una sortita offensiva di Muscas, il terzino del Follonica Gavorrano Coccia, già ammonito, disarciona il centrocampista classe 1997 e viene espulso, lasciando i suoi in inferiorità numerica.
Al 43’st il Leone trova la parità. Sventagliata con il contagiri di Borri. Poggesi prende bene il tempo e ripropone in mezzo. Sul pallone irrompe Manfredi, appena entrato. La punta classe 2002 controlla e in un fazzoletto di campo si esibisce in una spettacolare girata con il mancino, facendo centro. Per Leonardo Manfredi, fino a questo momento impiegato con il contagocce, prima gioia stagionale.
Il goal del Poggibonsi gela i padroni di casa, che non hanno più le energie fisiche e mentali per rituffarsi in avanti.
La gara termina 1-1. Un punto dal sapore dolce per il Leone valdelsano, che riacciuffa con carattere il risultato sul campo di una delle big del girone.
Domenica 28 novembre il Poggibonsi riceverà allo Stefano Lotti la grande favorita per la vittoria finale: l’Arezzo, appaiato in classifica con i giallorossi a quota 18 punti: alzi la mano chi ci avrebbe scommesso.

Mister Stefano Calderini

“Abbiamo cercato di contenere una squadra di spessore come il Follonica Gavorrano, provando a togliere loro le fonti di gioco e a limitare la loro capacità di andare con molti calciatori sugli esterni.
Nel computo della gara il Follonica Gavorrano ha avuto più occasioni di noi, ma non ci ha affatto dominato. Sull'episodio del rigore, credo che l'arbitro abbia mal interpretato quella situazione, concedendo una massima punizione più che benevola. Io comunque sono contento della mia squadra, che ha saputo rimettere in piedi una gara difficile in un campo tosto. Il pareggio è meritato.
In certi momenti però abbiamo avuto il freno a mano tirato, difettando negli ultimi 18 metri. Nel primo tempo non siamo riusciti a sfruttare alcune ripartenze, anche se venire a giocare qui senza timore e tenere bene il campo ritengo che sia una prova di maturità superata.
Ho scelto di impiegare un centrocampo di elementi over e la mossa è stata azzeccata.
Mazzolli, Muscas e Camilli nel mezzo hanno offerto una prova eccellente, sia in fase di contenimento, che di palleggio, che di riproposizione. Tutti i ragazzi comunque hanno fatto bene e mi complimento con loro.
Cecchi e Donati soffrivano di qualche acciacco, perciò ho deciso di puntare sul portiere in quota. Venè ha esordito senza sbavature, superando la prova brillantemente. Ha anche compiuto una buona parata nella ripresa su un passaggio sbagliato di un compagno.
Marafioti purtroppo ha fatto un movimento non naturale con il ginocchio. Ci auguriamo che non sia un problema serio, perché puntiamo molto su di lui.
Sono felice per la rete di Manfredi. In questo periodo non gli avevo concesso spazio. Lui ha saputo soffrire ed oggi ha segnato davvero un gran goal, meritandosi ampiamente la mia fiducia.”

Saverio Camilli

“Abbiamo disputato una grande gara, fatta di sacrificio collettivo. Siamo stati squadra vera, interpretando l’incontro come doveva essere affrontato nei novanta minuti.
La partita da fare non poteva essere che questa, perché avevamo di fronte un avversario forte. Il Follonica Gavorrano ha calciatori di rilievo sul piano individuale e ovviamente sarebbe stato impossibile non concedere loro nulla. Dovevamo essere abili nello sfruttare gli episodi e siamo riusciti a portarli dalla nostra parte.
Dopo lo svantaggio, arrivato in un momento dove non stavamo affatto soffrendo, non ci siamo scomposti, credendo fino all'ultimo alla possibilità di raggiungere il pareggio. La reazione è stata importante. A centrocampo abbiamo corso ininterrottamente e giocato molti palloni, ma oggi tutto il Poggibonsi ha dimostrato compattezza e solidità. Il punto è giusto. I tifosi anche ci hanno fatto sentire come se avessimo giocato in casa e ci ha fatto piacere ripagarli con un risultato positivo.
Siamo partiti con l'obiettivo della salvezza e quello non cambia. Siamo contenti dell’alchimia che si sta formando all'interno dello spogliatoio.
Le cose per caso non vengono mai. Se abbiamo una buona classifica, evidentemente ce la siamo meritata. Inoltre, a livello tecnico abbiamo elementi di qualità per la Serie D. Ci stiamo allenando con impegno e intensità.”