Real Forte Querceta vs Sporting Club Trestina 2 - 0

IL TRESTINA CADE A FORTE DEI MARMI
06.01.2019 22:55 di Antonio Bruno   Vedi letture
Fonte: Ufficio Stampa Sporting Club Trestina
Real Forte Querceta vs Sporting Club Trestina 2 - 0

Real Forte Querceta-Sporting Club Trestina 2-0

REAL FORTE QUERCETA: Puccini, Bertoni, Materazzi, Biagini, Visibelli, Guidi, Di Leo, Fenati, Falchini, Vignali, Gianotti. A disp.: Agozzino, Arnaldi, Canalini, Pesci, Amico, Fascioli, Puccinelli, Dinelli, Maffini. All.: Brachi Marco

SPORTING CLUB TRESTINA: Cucchiararo, Marconi, Tersini, Petricci, Fumanti, Polidori, Catacchini, Gramaccia, Ridolfi, Staiano, Gallozzi. A disp.: Cosimetti, Maggioli C., Vinagli, Marchi, Landi, Stella, Braccalenti, . All.: Cerbella Enrico

ARBITRO: Negrelli Alessandro di Finale emilia

RETI: 6° rig. Guidi, 47° rig. Vignali 

Dopo la sconfitta di oggi a Forte dei Marmi abbiamo sicuramente due certezze;

1°- Il Trestina ha disputato la peggior gara fino ad ora, una squadra irriconoscibile che quasi mai è riuscita ad impensierire gli avversari e che solo in un paio di occasioni sarebbe potuta andare casualmente in goal, poi buio completo.

2°- Abbiamo incontrato la peggior terna della stagione, soprattutto un arbitro spudoratamente casareccio che non ha mai usato lo stesso metro nelle sue decisioni. Sicuramente ha decretato due rigori sacrosanti, uno forse commesso dopo un fuorigioco non segnalato, ma perché non ha assegnato quello a favore del Trestina per il fallo su Gramaccia sull’uno a zero? Perché se non era fallo il giocatore del Trestina doveva essere ammonito per simulazione. Che dire poi dei tanti falli da ammonizione commessi da entrambe le squadre ma l’arbitro spesso, troppo spesso, ha deciso di sanzionare quelli dei bianconeri.

Comunque torniamo a ripeterlo non è che il Trestina ha perduto per colpa dell’arbitro, la squadra ci ha messo del suo tanto che nella gara di oggi possiamo salvare massimo 2/3 giocatori, per gli altri buio pesto e pensiamo che se la squadra avesse giocato come sa, il direttore di gara, seppur non all’altezza, non avrebbe potuto condizionare in alcun modo il risultato finale.

Ciliegina sulla torta la giusta espulsione di Marconi al 3° minuto di recupero.

Ora non ci resta che rimboccare le maniche per preparare a dovere la sfida di sabato al Casini con la Sangiovannese senza rimpianti per i punti persi oggi in quanto, per come l’abbiamo affrontata, non potevamo ottenere di più.