Sinalunghese – Ponsacco 1920, la vigilia di Roberto Fani.

Fani: “dobbiamo andare avanti e migliorare sugli errori”

03.11.2018 18:55 di Antonio Bruno  articolo letto 151 volte
Fonte: Ufficio Stampa UC Sinalunghese, Chiara Mariottini
Sinalunghese – Ponsacco 1920, la vigilia di Roberto Fani.

Cinque sconfitte consecutive ma un inizio di campionato niente male, due pareggi e due schiaccianti vittorie contro la Massese e il Gavorrano, tutte prestazioni convincenti e determinanti che hanno fatto leva immediatamente sulla classifica innalzando la Sinalunghese, in sole quattro partite, a otto punti, quei magnifici otto che hanno avvicinato la novizia della categoria ai piani alti, non troppo distante da quelle esperte e navigate. Otto punti, combattuti e guadagnati, inchiodati ormai da settimane in un quadro generale, se non ribaltato, assai modificato. Questa la situazione, una Sinalunghese pronta ad affrontare in casa l’ennesima veterana del girone, dopo il Montevarchi arriva un altro scontro omocromo al Carlo Angeletti, un match fissato per domani alle 14,30, otto punti complessivi contro i diciotto, la Sinalunghese affronta così il Ponsacco: “Lo stato d’animo è quello di una squadra consapevole di aver fatto bene – interviene Roberto Fani – la squadra ha un punteggio immeritato però bisogna prenderne atto, andare avanti e migliorare sugli errori, consapevoli che questa è la strada giusta da percorrere perché la squadra ha giocato, è stata in campo e ha lottato, purtroppo non è un momento facile – un incontro non indifferente contro una squadra di avversari – attrezzata per vincere il campionato che lotterà fino alla fine perché il Ponsacco è una squadra veramente importante, questo è un campionato difficile e ogni domenica dobbiamo dare il massimo sperando anche in un pizzico di fortuna in più per raggiungere quello che davvero meritiamo”. Molte difficoltà sono dovute anche dal numero considerevole di infortuni: “Purtroppo oltre alle criticità del capitano Dario Calveri, ormai risolte ma evidenti già dalle prime partite del campionato – aggiunge Federico Daviddi, il fisioterapista della società – abbiamo alcune complicazioni con i giocatori più giovani, Mencagli e Malentacchi hanno avuto entrambi dei problemi traumatici al ginocchio, Rizzo e Bruschi invece alla caviglia, questi giovani hanno subito degli infortuni traumatici nello stesso periodo, in un momento particolare in cui abbiamo bisogno di tutti i componenti della rosa ma non possiamo trascurare i tempi di recupero”. Sembra di intravedere uno spiraglio di luce già all’alba di questa decima giornata: “Su quattro giocatori due si dovrebbero recuperare, per gli altri speriamo che le tempistiche siano corte – prosegue Daviddi – anche se Mencagli ha avuto una piccola ricaduta e Malentacchi ancora è pronto, Rizzo è già rientrato per una parte della partita di domenica scorsa e Bruschi dovrebbe tornare a disposizione già da domani”. Arrivano parole rassicuranti anche da Bjorn Doka che ha debuttato da titolare in Serie D mercoledì scorso contro la capolista: “Le prestazioni non sono mai mancate soprattutto nelle ultime due partite con il Tuttocuoio e il San Donato, abbiamo giocato e creato. Adesso la nostra priorità è il punteggio, con il Ponsacco sarà una partita difficile perché è una delle squadre più forti di tutto il campionato ma noi scenderemo in campo forti come sempre”.