La Gymnaestrada petrarchina verso i mondiali di Dornbirn

La Ginnastica Petrarca rappresenterà l’Italia al galà della World Gymnaestrada in programma a luglio.
23.05.2019 16:10 di Antonio Bruno   Vedi letture
Fonte: Uffici Stampa Egv , Marco Cavini
La Gymnaestrada petrarchina verso i mondiali di Dornbirn

La squadra aretina ha intanto iniziato la stagione con la vittoria ai campionati regionali di Montevarchi. 

AREZZO – La Gymnaestrada della Ginnastica Petrarca si è confermata come la migliore della Toscana e ha iniziato con il sorriso il percorso di avvicinamento ai mondiali di Dornbirn. Il gruppo aretino, formato da venticinque atlete tra i tredici e i ventinove anni, si è imposto a Montevarchi nei campionati regionali di una disciplina che unisce gli esercizi della ritmica e gli esercizi dell’artistica per dar vita a performance che coniugano lo sport e l’arte. L’ultima coreografia preparata dalla Gymnaestrada petrarchina ha avuto come titolo “È ancora presto per partire” e ha meritato la vittoria della gara toscana a pari merito con la montevarchina Giglio, proponendo una delicata riflessione sociale dedicata alla bellezza del mondo in contrapposizione alla volontà di farla finita di una giovane ragazza. La squadra aretina, allenata da Federica Peloso, ha dunque continuato ad ottenere consensi per le sue coreografie che, nel corso degli anni, hanno ricevuto numerosi riconoscimenti anche a livello internazionale. A ribadirlo sarà la partecipazione dal 7 al 13 luglio alla World Gymnaestrada nell’austriaca Dornbirn che riunirà gruppi di tutto il mondo e in cui la Ginnastica Petrarca avrà l’onore di rappresentare l’Italia al galà conclusivo con la coreografia “Stop alla violenza sulle donne” che proporrà un inno rivolto a tutte coloro che trovano la forza per combattere e per cercare riscatto.

Ai campionati di Montevarchi era presente anche un secondo gruppo di sedici ragazze della Ginnastica Petrarca che sono tornare in pedana dopo essersi esibite nel 2018 all’EuroGym di Liegi, la più importante rassegna continentale della disciplina. Queste atlete hanno presentato un tema più giovanile e moderno quale “Social generation” in cui viene espressa una denuncia all’apatia emotiva degli adolescenti che, a causa delle nuove tecnologie, perdono il contatto con la ricchezza della vita reale. «Il nostro obiettivo - commenta Peloso, - è di proporre riflessioni sociali attraverso lo sport e lo spettacolo racchiusi nelle nostre coreografie. Il movimento della Gymnaestrada della Ginnastica Petrarca, nato nel 2002 per volontà di Manola Rosi, fa oggi affidamento su tante ragazze che sono riconosciute tra le massime esponenti italiane ed europee di questa disciplina, dunque di anno in anno cerchiamo di stupire attraverso esercizi sempre più difficili. Dopo aver meritato consensi ai campionati regionali, ora continueremo ad allenarci per tenere alto anche ai mondiali il nome della nostra società e della città di Arezzo».