IL DG Giacomo Guidi espone le proprie idee sul prossimo campionato

IL DG Giacomo Guidi :"Ci auguriamo che l’inizio del campionato Eccellenza non sia a porte chiuse, qualora gli stadi non riaprissero, il Poggibonsi non scenderà in campo senza i propri tifosi".
20.07.2020 20:34 di Antonio Bruno   Vedi letture
Fonte: Ufficio Stampa US Poggibonsi, Giulio Valenti
IL DG Giacomo Guidi espone le proprie idee sul prossimo campionato

Il Direttore Generale dell’U.S. Poggibonsi Giacomo Guidi ha convocato quest’oggi una conferenza con le testate giornalistiche per esprimere la posizione della Società in merito alla ripresa dell’attività calcistica:

“Ci auguriamo che l’inizio del campionato Eccellenza non sia a porte chiuse, perché il calcio dilettanti non può esistere senza tifosi. Il pubblico per il Poggibonsi è essenziale.

Anzi voglio dire pubblicamente che, qualora gli stadi non riaprissero, il Poggibonsi non scenderà in campo senza i propri tifosi.

Il Poggibonsi può contare su una platea numerosa ed è fondamentale averla presente per offrire incitamento alla squadra, ma anche per una questione di incassi; introiti che il Poggibonsi esporta anche fuori casa, quando molte persone ci seguono lontano dallo Stefano Lotti.

Ho già manifestato le nostre intenzioni al Presidente del Comitato Regionale Toscana Paolo Mangini, che è stato molto comprensivo, promettendomi che si sarebbe attivato per consentire l’ingresso degli spettatori negli impianti sportivi alla ripresa del calcio dilettanti.

Il Covid-19 naturalmente è ancora un fenomeno preoccupante, ma credo che, dato che stanno ripartendo molte attività, sarebbe il caso di riaprire anche gli stadi della nostra Regione.

Inizieremo la preparazione della prima squadra dopo Ferragosto, ma dobbiamo conoscere ancora il nuovo protocollo e ci attendiamo sia dalla FIGC che dal CRT le risposte necessarie per programmare l’avvenire.

Come Società siamo stati operativi anche nei mesi più difficili della pandemia e ci tengo a ringraziare le aziende ed il Comune che, nonostante le difficoltà, ci sono sempre stati vicini in questo periodo.

Il format del campionato con tre gironi da 12 squadre, se ritenuto quello più idoneo dal Comitato Regionale Toscana per permettere ai club un contenimento dei costi, ha un senso solo se nella composizione degli stessi si tenga conto della posizione geografica di Poggibonsi.

Il Poggibonsi non può essere mandato a giocare nelle zone marittime o di Lucca, ma deve rimanere nei luoghi limitrofi, giocando tanti derby.

Abbiamo inoltre chiesto assieme ad altri club lo spostamento della Coppa Italia dal 13 al 20 Settembre e crediamo che le nostre istanze verranno accolte senza alcun problema. I calciatori sono inattivi da mesi ed una partenza prematura potrebbe essere nociva per la loro salute.

L’auspicio è quello di essere tra le formazioni protagoniste di questa stagione, ma naturalmente sarà importante partire bene alla luce del nuovo assetto del campionato Eccellenza.

L’impatto di Aleandro Aiazzi lo valuto molto positivamente.

Il nostro Direttore dell’Area Tecnica si occupa non solo della prima squadra, ma anche del settore giovanile, dove sta facendo un ottimo lavoro all’unisono con l’UPP Invicta Poggibonsese.

A volte opera senza sosta dalle otto di mattina a mezzanotte, pensando sia al settore giovanile che alla prima squadra. Non potevamo compiere una scelta migliore.

La tribuna centrale è vicina al completamento dei lavori. Sostituiremo i seggiolini nel mese di agosto, ma siamo finalmente in dirittura d’arrivo”.