Umana San Giobbe battuta da Rieti, Bassi "Grande rammarico"

03.04.2024 12:00 di Antonio Bruno   vedi letture
Fonte: Ufficio Stampa San Giobbe Basket Chiusi Lorenzo Trabalzini
Umana San Giobbe battuta da Rieti, Bassi "Grande rammarico"

L'Umana San Giobbe cade in casa contro Rieti e vede nuovamente complicarsi la corsa per la salvezza per la vittoria contemporanea di Orzinuovi. Meglio Rieti in avvio, poi Bulls che si riaffacciano a fine primo tempo. Il gap dei laziali nel terzo tempino ha le sembianze della fuga decisiva, ma i biancorossi recuperano fino a mettere la testa avanti a pochi minuti dalla sirena. Non è però sufficiente, il talento di Johnson vale la nuova della Sebastiani che regge e conquista i due punti. A parlarne, il capo allenatore della San Giobbe Giovanni Bassi.

"Peccato, i ragazzi ci hanno messo ancora una volta un cuore incredibile. Oggettivamente siamo rientrati in partita senza una ragione, solamente perché questi sono ragazzi incredibili e con un cuore eccezionale. Con le spalle al muro hanno provato a rimontare mettendo la testa avanti, poi sono arrivati due-tre errori e qualche gran canestro di Johnson. Abbiamo lottato contro una squadra contro la quale avevamo un divario enorme. Peccato per l'approccio, ma l'abbiamo rigirata, e peccato per quei cinque minuti del terzo quarto in cui ci siamo spenti completamente e ci siamo eccessivamente demoralizzati. La partita era ancora viva. Però dopo bravissimi a riacchiapparla e ad andare avanti. Andiamo a casa con grande rammarico".

Si fa di nuovo complicata per la vittoria di Orzinuovi. Ma la squadra deve continuare a crederci.

"Si, ma questo lo diciamo sempre. I ragazzi stanno dimostrando di crederci. Andiamo a Roma per una partita complicata, hanno inserito anche un giocatore di categoria superiore, però lavoreremo seriamente e duramente con quelli che siamo. I ragazzi sono anche commoventi in certi momenti. Ci proveremo". 

Tilghman e Stefanini fuori nel'ultima parte del match. Giornata no per loro, nessuno problema fisico.

"Nessun problema fisico ma problema tecnico. C'erano giocatori molto più in gas di loro. Siamo in un momento della stagione in cui non si può guardare in faccia a nessuno".