Un incontro on-line per approfondire il nuoto del domani

La Chimera Nuoto propone una formazione sulle evoluzioni della didattica con Emanuele Narcisi. L’appuntamento, rivolto a tutti gli appassionati di nuoto, si terrà alle 21.00 di venerdì 27 novembre
25.11.2020 20:05 di Antonio Bruno   Vedi letture
Fonte: Uffici Stampa Egv , Marco Cavini
Un incontro on-line per approfondire il nuoto del domani

AREZZO – Una serata dedicata alle evoluzioni dell’insegnamento del nuoto. L’iniziativa, promossa in videoconferenza su Zoom dalla Chimera Nuoto, è in programma alle 21.00 di venerdì 27 novembre e permetterà di vivere un’occasione di formazione rivolta a tutti gli appassionati di discipline acquatiche. Il relatore sarà Emanuele Narcisi, tecnico della Orizzonte Blu di Montefiascone e tra i massimi esperti italiani di pedagogia natatoria, che tornerà ad essere ospite del ciclo di incontri on-line della società aretina con l’obiettivo di analizzare il “nuoto del domani”.

Questo allenatore sarà intervistato dal direttore sportivo della Chimera Nuoto Marco Magara e, partendo dai suoi studi e dalle sue esperienze in vasca, proporrà una riflessione incentrata sulle problematiche riscontrate con le attuale metodologie di insegnamento per arrivare ad illustrare la necessità di prevedere una riorganizzazione della disciplina. Nel corso della serata saranno analizzate le specificità delle diverse fasce d’età dal “Nuoto baby 0-4 anni” all’agonismo, in un clima di confronto che troverà il coinvolgimento diretto dei tecnici e degli istruttori presenti che potranno interagire con Narcisi, presentare i problemi incontrati nel loro lavoro a bordo vasca e ottenere utili consigli in vista della prossima riapertura delle piscine. L’obiettivo, infatti, è di sfruttare l’attuale momento di stop delle attività per attivare un percorso di formazione, di aggiornamento e di crescita utile per migliorare la didattica orientata alla costruzione del nuotatore nelle diverse fasi della vita: neonati, bambini, ragazzi e adulti. «Questo ciclo di incontri in video-conferenza - commenta Mcagara, - sta coinvolgendo circa duecento tecnici e istruttori da tutta la penisola che approfittano dell’opportunità di poter vivere un costruttivo momento dove confrontare le esperienze e interrogarsi sulle diverse modalità di insegnamento. Una formazione continua e condivisa, infatti, è basilare per migliorare i processi di crescita dei nuotatori e per adattarli all’attualità».