Nulla osta per la riapertura del Centro Diurno della Casa Pia

Lo storico istituto cittadino ha ricevuto l’autorizzazione per riattivare il servizio semiresidenziale. I lavori per l’adeguamento dei locali prenderanno il via in seguito al parere della Soprintendenza
12.08.2020 21:23 di Antonio Bruno   Vedi letture
Fonte: Uffici Stampa Egv , Marco Cavini
Nulla osta per la riapertura del Centro Diurno della Casa Pia

AREZZO – Un progetto per la riapertura del Centro Diurno della Casa di Riposo “Fossombroni”. Lo storico istituto cittadino ha ricevuto dalla Asl Toscana Sud-Est il nulla osta per riattivare l’importante servizio semiresidenziale che garantisce un luogo di incontro e di socializzazione dove persone autosufficienti possono passare le loro giornate. Questo servizio, di titolarità del Comune di Arezzo e affidato in gestione alla Asp “Fossombroni”, configura un luogo protetto dove vengono proposte attività agli anziani per mantenere attive le capacità residue, vivere momenti stimolanti e stare in compagnia, ma è stato sospeso a fine febbraio a causa dell’emergenza sanitaria.

La delibera regionale n.776 del 22 giugno aveva previsto la possibilità di ripartenza dei Centri Diurni nel rispetto di un protocollo operativo per la prevenzione dal contagio e la tutela della salute degli utenti e degli operatori, dunque la dirigenza della Casa Pia ha presentato un progetto di adeguamento in armonia con le rigide linee guida previste. La richiesta era di favorire la creazione di un ambiente autonomo rispetto al resto della struttura, con la previsione di nuove opere quali due servizi igienici al piano terra, spogliatoi per i dipendenti, la strutturazione di specifici percorsi per l’accesso e l’uscita degli anziani accompagnati, oltre alla riduzione del numero di utenti e alla riorganizzazione del personale per evitare la commistione tra gli addetti al Centro Diurno e gli addetti alla struttura residenziale. Ricevuta l’approvazione, il progetto sarà ora presentato alla Soprintendenza che dovrà valutare e autorizzare i lavori in un edificio di pregio storico e architettonico come quello della Casa Pia, con la speranza di prevedere la riapertura entro la fine del 2020. «Il progetto - commenta Maria Paola Petruccioli, presidente della Casa di Riposo “Fossombroni”, - richiederà un investimento importante in termini economici e riorganizzativi da parte della nostra struttura, ma riteniamo prioritario riattivare il servizio pubblico del Centro Diurno semiresidenziale che fornisce a molte famiglie un luogo protetto per permettere ai loro cari di vivere giornate in compagnia e di svolgere attività stimolanti. L’auspicio è di ottenere in tempi rapidi l’autorizzazione ad iniziare i lavori per poter così procedere ad un ulteriore, graduale, ritorno alla normalità».

Un altro importante progetto presentato alla Soprintendenza fa riferimento alla realizzazione di un secondo ascensore che rappresenta una necessità per facilitare gli spostamenti degli anziani tra i piani della struttura. L’impianto, armoniosamente integrato con la storicità dell’edificio, configura un investimento fortemente voluto dall’attuale consiglio di amministrazione anche per garantire una soluzione in caso di emergenza o di malfunzionamento dell’attuale ascensore, soprattutto in considerazione del fatto che la maggior parte degli ottanta residenti accusano difficoltà di deambulazione. «La priorità della nostra casa di riposo - continua la presidente Petruccioli, - è di agevolare la quotidianità dei propri anziani: il secondo ascensore rappresenta un’opera non più posticipabile soprattutto in questo momento di emergenza sanitaria in cui un unico impianto risulta assolutamente insufficiente a causa del rispetto delle distanze di sicurezza. Il prossimo step, anche in questo caso, è l’ottenimento del parere favorevole della Soprintendenza, necessario per poter avviare i lavori».