Il Ponsacco esprime la volontà di presentare domanda di ripescaggio in serie C

Il DS Andrea Luperini ha già le idee chiare sul proprio futuro: “ La nostra volontà sarebbe quella di fare domanda di ripescaggio, sicuramente, in Lega Pro".
20.05.2019 23:29 di Antonio Bruno   Vedi letture
Fonte: almanaccocalciotoscano.it
Il Ponsacco esprime la volontà di presentare domanda di ripescaggio in serie C

Sta ancora festeggiando la vittoria nella finale play-off contro il Gavorrano (1-0) in terra pisana, ma la società del d.s. Andrea Luperini ha già le idee chiare sul proprio futuro: “ La nostra volontà sarebbe quella di fare domanda di ripescaggio, sicuramente, in Lega Pro, ma dobbiamo verificare la graduatoria nella quale andremo ad inserirci. Realtà come il Mantova e Taranto sono fuori dai giochi, perché non hanno vinto i play-off, ma ad esempio dovremmo aspettare l’esito della finale tra Modena e Audace Reggio, che si scontreranno prossimamente; anche in questo caso una delle due uscirà sconfitta e sarà dietro di noi come punteggio. Se dovessimo essere al terzo/quarto/quinto posto avremmo delle chance, mentre se dovessimo scivolare verso un ottavo posto (come l’anno scorso) non avremo tante possibilità di salire”. 

Riguardo al Ponsacco 2019-2020 il direttore sportivo ci risponde in maniera un po’ vaga ma assai comprensibile, visto che il campionato del Ponsacco è finito nemmeno 24 ore fa. “Mister Francesco Colombini ha fatto molto bene da quando si è seduto in panchina, meriterebbe la conferma per quello che ha fatto, così come tutti i giocatori che sono arrivati in fondo alla stagione. E’ normale che dovremmo valutare diverse situazione, a cominciare dalla categoria che come detto in precedenza andremo ad affrontare. Comunque mi sento di dire che mister Colombini potrebbe davvero essere la nostra prima scelta per la panchina”.

Cosa è mancato al Ponsacco per vincere il campionato? La risposta di Luperini inizialmente è secca : “Due punti!”- Poi però il direttore analizza alcuni dati e ci racconta con un pizzico di rammarico: “Abbiamo buttato via dei punti incredibili nell’arco della stagione per poi magari riprenderne qualcuno a fine stagione, quando non ce lo aspettavamo neanche più. Ricordo due rigori sbagliati al 90’, il pareggio a Massa battendo 29 calcio d’angolo e non riuscendo a “buttarla dentro” in nessun modo, lasciato per strada altri 6 punti con Aglianese, GhiviBorgo e Cannara, partite che erano quasi già vinte e che invece abbiamo solo pareggiato”.

Nelle prossime settimane comunque arriveranno conferme, partenze e soprattutto programmi per eventuale ripescaggio, per il d.s. rossoblu saranno giorni di piacevole ma intenso lavoro.