Lornano Badesse – Arezzo Le pagelle di Giogio Ciofini

08.05.2022 20:21 di Antonio Bruno   vedi letture
Fonte: Giorgio Ciofini
Lornano Badesse – Arezzo Le pagelle di Giogio Ciofini

Le Badesse del Convento di Lornano firmano uno 0-2, che è lo specchio dell’annata amaranto. Una sconfitta che ha senso, quanto ne ha l’espulsione di Biondi, che ha ribaltato i destini della partita. A quel punto l’Arezzo era in pieno controllo e anche il pari gli stava striminzito come un vestito da bambolina alla Bellucci. Poi è finita come è finita, con i soliti regali che neanche la Befana. Troppa grazia per le Badesse, con Biondi ad andarci di mezzo, come all’andata. Il nostro Giacomo, però, ci ha messo del suo, con la prima ammonizione “scriteriata” (parola di Avato), quanto Peletti in Chianti. E si è messo anche Calderini a padellare il rigore! Non resta che ingollare altri rospi in terra senese. Decisivo più di Lucatti, bomber di rigore, è stato l’omino in nero. Ancora una volta. Abbiamo il fegato gonfio come un pallone, ma il destino resta in mano nostra. In fondo per finire davanti al Gavorrano, corsaro a Rieti, c’è sollo da battere la Flaminia (di Federico Nofri) domenica prossima al Comunale. E non dite che è troppo!  

Colombo: Voto 6,5 Innocente, ma illibato come la madre superiora del Convento di Lornano sui due gol. Impeccabile per il resto.

Biondi: Voto 6 Lucatti si vede solo dagli undici metri. Già basta (e avanza) Peletti a rovinargli la domenica. Però quella ammonizione, caro Giucomo, resta “scriteriata”.   

Frosali: voto 6,5 Autoritaria la partita di Francesco, che centralmente non concede quasi nulla e, quando può, si fa intravedere anche davanti.

Campaner: Voto 6 Chiude la fascia meglio di altre volte, aiutato anche da un Cecconi molto sulle sue. Del resto le Badesse stanno in cella, Alessandria non è Indiani e il nostro Lorenzino è uno specialista in controfalli. E Magliocca?

Zona: Voto 6,5 Non è ancora al top, rimane qualche remora del grave infortunio, ma ha personalità e si fa sentire nella doppia fase. Decisivi un paio di interventi su quel cavallo (molto brado) di Frosinini.  Bravo Samuele. 

Lazzarini: Voto 6,5 In un’ora spende anche gli spiccioli, dando il solito contributo dinamico nella zona nevralgica. Spreca, però, l’invito dal fondo di Calderini, che decisamente meritava trattamento migliore.

Pizzutelli: Voto 7 Buona la sua regia e, a tratti, anche illuminata, nonostante Alessandria gli piazzi il giovane Cappelli a mo’ di mignatta. Uscito Federico, si spegne anche la luce nell’Arezzo. 

Benedetti: voto 5,5 Partita la sua, senza infamia e senza lode, ma da un giocatore della sua esperienza e levatura, ci si aspetta di più. Molto di più. E il tempo sta ormai per scadere.

Cutolo: Voto; 6,5 Fino a che il fiato regge, il capitano ci prova con buona continuità. Il suo mancino non è esplosivo e tagliente come al solito, ma più che sufficiente a trasformare il rigore. Rimpianto di giornata. 

Calderini: Voto 5 Non era la sua domenica, già prima di calciare quel rigore pesante. Quella mancata trasformazione, che rimanda  il terzo posto nei play off, costa al nostro Elio la prima insufficienza di stagione.   

Persano: Voto 5 Chi ha visto il nostro Mattia, al Berni, metta un dito qui sotto. 

Mancino: Voto: 5 Entra per Lazzerini e provoca il rigore decisivo, con un intervento ingenuo e inutile. Seconda insufficienza d’annata per Andrea.

Marchi: Voto: 5,5 Ha rilevato Benedetti ma non se n’è accorto nessuno.

Pinna: voto 5 Imbarazzante il suo ingresso last minut. 

Pisanu s.v.