Meteo: DOMENICA, ancora più FREDDO con l'EFFETTO WINDCHILL

Vediamo cos'è e cosa provocherà
25.11.2023 23:02 di Antonio Bruno   vedi letture
Fonte: meteo.ansa.it
Meteo: DOMENICA, ancora più FREDDO con l'EFFETTO WINDCHILL

Prepariamoci a vivere una Domenica davvero molto rigida sul fronte climatico in quanto le temperature sono previste in ulteriore calo rispetto a Sabato e questo anche per effetto di un ulteriore rinforzo dei freddi venti dai quadranti settentrionali. Massima attenzione alle temperature notturne che potranno scendere di parecchi gradi sotto lo zero e non solo sui rilievi, ma anche su molti tratti della Valle Padana, come nelle zone interne del Centro. Temperature prossime se non al di sotto della soglia del gelo sono previste in città come Milano, Torino, Bologna, Padova, Firenze, fino a Roma. Su queste zone ci attendiamo ovviamente la formazione di estese gelate che si svilupperanno durante la notte e nelle prime ore del mattino in particolare nelle aree rurali e di aperta campagna dove si avvertirà in forma minore l'influenza delle isole di calore urbane. Nonostante il quadro meteorologico si manterrà tutto sommato stabile a tratti anche ben soleggiato, quanto meno sulle regioni del Centro e del Nord, il freddo si farà sentire in forma aggressiva anche durante il giorno a causa dei forti venti che contribuiranno a farci maggiormente percepire la sensazione di freddo. Questo genere di fenomeno, conosciuto anche con il nome di Wind Chill, o effetto di raffreddamento eolico, è un concetto meteorologico che descrive la percezione di freddo avvertita dalla pelle esposta, la quale è influenzata non solo dalla temperatura dell'aria effettiva, ma anche dalla velocità del vento. In pratica, quando il vento soffia, la sua azione rimuove il calore dalla superficie della pelle, aumentando la sensazione di freddo rispetto alla temperatura reale dell'aria.Questo fenomeno è particolarmente rilevante in ambienti freddi e ventosi, dove le temperature percepite possono essere significativamente inferiori a quelle registrate dai termometri. Ad esempio, una temperatura dell'aria di 0°C può sentirsi molto più fredda con l'aggiunta del vento, anche se il termometro indica ancora 0°C.Il Wind Chill, dunque, risulta un fattore cruciale da considerare per la sicurezza in ambienti esterni durante i mesi invernali. Un'alta velocità del vento combinata con basse temperature può portare a un rapido congelamento della pelle esposta, aumentando il rischio di ipotermia. Di conseguenza, specialmente in montagna è importante vestirsi in modo appropriato, con strati di abbigliamento che trattengono il calore corporeo e riducono l'impatto del vento sulla pelle.Per quantificare l'effetto Wind Chill, sono state sviluppate delle tabelle e delle formule che permettono di calcolare la temperatura percepita in base alla temperatura dell'aria e alla velocità del vento.