Cesena vs Arezzo 3 - 1

a Cesena i titoli di coda di un Campionato che ha visto l' Arezzo sempre subire e finire in serie D senza la prova di appello, Play Out.
02.05.2021 18:34 di Antonio Bruno   vedi letture
Fonte: La Redazione di Sport a Km 0
Cesena vs Arezzo 3 - 1

Cesena vs Arezzo 3 - 1

CESENA (4-3-3): 33 Nardi; 6 Zappella, 27 Gonnelli, 15 Ciofi, 16 Favale (36' st 24 Tonetto); 18 Collocolo (30' st 25 Petermann), 4 Di Gennaro (30' st 17 Ardizzone), 5 Steffè; 7 Zecca, 20 Bortolussi (36' st 11 Munari), 26 Sorrentino (18' st 19 Nanni). A disposizione: 22 Benedettini, 36Fabbri, 9 Caturano, 10 Russini, 13 Ricci, 24 Tonetto, 32 Capellini. Allenatore: William Viali.

AREZZO (3-4-1-2): 1 Sala; 15 Maggioni, 3 Cherubin (12' st 26 Ventola), 5 Sbraga (34' st 17 Di Nardo); 16 Luciani, 46 Altobelli, 4 Arini, 21 Benucci (1' st 23 Di Grazia; dal 12' st 25 Sussi); 10 Cutolo; 24 Piu, 27 Perez (1' st 44 Iacoponi). A disposizione: 13 Melgrati, 29 Kodr, 31 Di Paolantonio, 32 Zuppel, 35 Zitelli, 36 Karkalis, 37 Serrotti. Allenatore: Roberto Stellone.

ARBITRO: Fabio Natilla di Molfetta (Giorgio Rinaldi di Roma 1 - Francesco Valente di Roma 2). Quarto uomo: Mario Saia di Palermo.

RETI: pt 13' Sorrentino, 39' Bortolussi rig.; st 34' Petermann, 90' Piu.

Note : Recupero: 0' + 4'. Angoli: 0-5. Ammoniti: st 39' Ventola. Espulso: al 47' st Altobelli per gioco scorretto.

A Cesena l' Arezzo scrive i titoli di coda della sua permanenza in Lega Pro, alla fine di una stagione davvero difficile da decifrare e commentare dove non sono bastati cambiare tre allenatori e sviluppare una campagna acquisti – cessioni lunga sei mesi che ha portato in amaranto qualcosa come 54 calciatori con il destino della permanenza in categoria fino all' ultima giornata nelle mani della squadra che via via ha sprecato tutti i bonus che il calendario gli ha offerto fino all' ultima giornata.

A Cesena serviva gettare il cuore oltre l' ostacolo e giocarsi il tutto per tutto, al di là del gioco, degli schemi e difendere il pareggio con il “coltello fra i denti” e non subire la maggiore organizzazione di gioco dell' avversario e velocità, tanto che sono bastati appena 13'minuti al Cesena per sbloccare la partita ed aprire le porta del baratro della retrocessione diretta dell' Arezzo. Nella circostanza i bianco neri sfruttano un'errore in ripartenza degli amaranto e Sorrentino li punisce con freddezza. L' Arezzo non reagisce, solo Cutolo è l'ultimo ad arrendersi e prova la soluzione personale senza fortuna e Cesena che continua a fare la sua partita e superata la mezz'ora mette a segno il raddoppio, contatto in area fra Benucci – Favale e il Direttore di gara indica il dischetto. Sul punto di battuta ci va Bortolussi che trasforma con freddezza.

Decisamente meglio la ripresa con l' Arezzo che abbozza una certa reazione e cerca di impensierire Nardi con le conclusioni di Di Grazia, Cutolo e Iacoponi .. ma a passare è ancora una volta il Cesena. Petermann approfitta di una corta respinta e da sotto misura blinda il risultato e certifica la retrocessione dell' Arezzo. Sussi prova a dare un senso alla partita ma un difensore riesce a salvare, passano inesorabilmente i minuti ed al 90°esimo Piu trova il gol della bandiera, sugli sviluppi di un calcio d'angolo. ..poi quattro minuti di recupero e triplice fischio finale che vede il Cesena in sesta posizione, l' Arezzo retrocesso in serie D e Ravenna che vince in rimonta sul Carpi ai Play Out con il Legnago Salus.