Virtus Verona vs Arezzo 1 - 1

L' Arezzo sfiora il colpaccio a Verona, in vantaggio con Sbraga per circa un' ora di gioco fa soffrire gli avversari, poi il pareggio di Arma e nel finale rischia la doccia fredda, ci pensa Sala a rimediare.
07.02.2021 21:28 di Antonio Bruno   Vedi letture
Fonte: La Redazione di Sport a Km 0
Virtus Verona vs Arezzo 1 - 1

Virtus Verona vs Arezzo 1 - 1

VIRTUS VERONA (4-3-1-2): Giacomel; Mazzolo (15′ st Manfrin), Pellacani, Visentin, Daffara; Delcarro (1′ st Zarpellon), Bentivoglio (15′ st De Rigo), Lonardi; Danti (36′ st Danieli); Marcandella (1′ st Arma), Pittarello. All. Fresco.

AREZZO (4-4-2): Sala; Luciani, Sbraga, Cherubin (40′ st Ventola), Pinna; Belloni (25′ st Cutolo), Arini, Di Paolantonio (35′ st Serrotti), Altobelli; Piu, Iacoponi. All. Stellone

Arbitro: Fabio Pirrotta di Barcellona Pozzo di Gotto

Marcatori: 21′ pt Sbraga (A), 21′ st Arma (V)

Ammoniti: Daffara (V), Arma (V) - Angoli: 3 a 4 per l’Arezzo

L' Arezzo a Verona passata in vantaggio con Sbraga e, per 45' mminuti circa sogna di mettere a segno il colpaccio, ma poi viene raggiunta da Arma, nella ripresa e nel finale addirittura rischia la doccia fredda, ci mette una pezza Sala, sulla conclusione di Danti, lasciato colpevolmente libero dalla retroguardia amaranto.

L' approccio alla partita è buono per l' undici di Stellone che lascia l' iniziativa aglia avversari,  però, chiude bene e riparte con una certa pericolosità. Calcio piazzato di Di Paolantonio per Sbraga il cui colpo di testa da buona posizione termina alto. Il pallino del gioco però rimane in mano ai veronesi che comunque faticano a trovare spazi e sono costretti a lunghi fraseggi in orizzontale. Al 21′ su corner di Di Paolantonio svetta ancora Sbraga e stavolta insacca piazzandola sotto la traversa. Al 29′ Giacomel deve volare alla propria sinistra per togliere dall’incrocio una punizione del mancino Pinna. Insistono gli ospiti, galvanizzati dall’inizio favorevole, mentre i veronesi stentano a riprendersi. Al 37′ Marcandella viene atterrato al limite dell’area. Punizione affidata al destro rasoterra di Pellacani che finisce sul fondo di un metro. Nel recupero Visentin svetta di testa mandando però alto. Si chiude così un primo tempo davvero deludente dei ragazzi di Gigi Fresco, tanto che il mister al ritorno dalla pausa presenta subito Arma e Zarpellon.

Particolare la conduzione di gara di Pirrotta che, a dispetto di qualche intervento piuttosto ruvido, preferisce tenere i cartellini nel taschino. La Virtus chiude gli aretini nella loro metà campo, ma non crea pericoli e dopo un quarto d’ora Fresco si gioca altri due cambi. Al 21′ cross dalla sinistra di Manfrin che tra un nugolo di teste pesca alla deviazione vincente quella di Arma per il pareggio dei padroni di casa. Al 26′ Manfrin va sul fondo e mette in mezzo un pallone veloce sul quale nessuno riesca ad avventarsi. Al 28′ l’Arezzo regala palla a Danti che serve l’accorrente Arma che di piatto colpisce debolmente tra le braccia di Sala. Sul finale si infortuna ed esce dal campo Manfrin a cambi già esauriti. Non succede più nulla di rilevante fino al fischio di chiusura.