Serie C Femminile : APRILIA RACING - VIS CIVITANOVA. 2 - 1.

10.02.2021 14:52 di Antonio Bruno   Vedi letture
Fonte: Calcio Pometino
Serie C Femminile : APRILIA RACING - VIS CIVITANOVA. 2 - 1.

APRILIA RACING - VIS CIVITANOVA. 2 - 1.

APRILIA RACING: Casteltrione, Conti, DeStradis, Morlock, Spagnuolo, DiFederico, Pacifico (Faggio17'st.) Maiorca, Monti,  Melillo , Galluzzi. PANCHINA. Hunkin, Lostaglio,Balem, Latini, Lauria,Grossi. All. Luigi Colantuoni.

VIS CIVITANOVA : Monzi, Langiotti, Fiorella, Brutti (Volonnino34'st.) Monterubbianesi, Silvestrini (Natalini30'st.), Poli, Lanciotti, Ranzuglia, Rastelli. PANCHINA: Babucci, Lelli, Fermani, Ferrini, Bracalente, Giretti. All. Giordano Perini.

MARCATORI: Ranzuglia (V.C.)10'pt. ,Maiorca (A.R.) 14'pt., su calcio di rigore, Maiorca (A.R.) 4' st., su calcio di rigore.

ARBITRO: Liberato Maione di Ercolano. ASSISTENTE 1: Giuseppe Mastromatteo di Aprilia. ASSISTENTE 2: Daniele Angelico di Aprilia.

NOTE: Incontro a porte chiuse, (angoli A.R. 7), (angoli V.C.5), rec. 2'pt., 5'st. .

Umori diversi a fine gara di Aprilia Racing e Vis Civitanova, per i due Tecnici Luigi Colantuoni dell'Aprilia, sorridente e soddisfatto per la vittoria, molto meno per Giordano Perini del Vis Civitanova, amareggiato per il risultato maturato a sfavore su due calci di rigore, ma soddisfatto sulla prestazione della propria squadra che ha dimostrato nell'arco dei novanta minuti impegno e determinazione. Seconda vittoria consecutiva per la formazione del' Aprilia al suo secondo doppio turno casalingo alla Pineta dei Liberti, dopo aver battuto il Riccione batte il Vis Civitanova in rimonta, grazie alla concessione di due calci di rigore, uno per tempo trasformati dalla Maiorca al 10'pt., pareggio, e al 14' st., rigore decisivo che ipoteca il risultato finale. Terzo risultato utile consecutivo delle ragazze bianco celesti, gioiose del felice momento di forma e di risultati, il tris di vittorie Sassari Torres, Riccione e Vis Civitanova con i nove punti conquistati solidifica la propria posizione di classifica in assoluta tranquillità in vista dei prossimi impegni. Tra la più impegnative ed imminente a cominciare dal prossimo turno l'ottava giornata contro le blasonate ragazze dell'Arezzo, che la viste perdenti in questo settimo turno in trasferta in casa dello Jesina.

CRONACA.

Indisponibile Pisa, Lauria e Padovan in panchina, su tutte occhi puntati in avanti sulla Galluzzi e la Mellillo pronte a sacrificarsi, hanno centrato in pieno le proprie performance. Inizio gara senza eccessivi tatticismi, il Vis Citanova si dimostra fin dalle battute iniziali squadra determinata scesa in campo con l'intenzione di non fallire l'approccio al a gara, con la seria necessità di fare punti, vista la posizione di classifica,dopo pochi minuti disputati in perfetto equilibrio, è l'Aprilia a rendersi 8'm., con un calcio di punizione dalla lunga distanza con un tiro forte e radente si stampa sulla traversa, sulla successiva ripartenza il Vis Civitanova passa in vantaggio con la Ranzuglia ben servita dalle compagne dopo un triplice scambio palla batte Casteltrione, pronta la reazione delle ragazze di casa, bianco celesti, riordinate le idee, dopo vari tentativi andati a vuoto, si portano sul risultato di pareggio grazie alla concessione di un calcio di rigore trasformato dalla Maiorca, rigore concesso per un fallo subito della Conti in piena area. Secondo rigore reclamato dell'Aprilia al 18'm. , non concesso dal Direttore di gara, senza eccessive proteste da parte delle due panchine, la prima frazione di gioco si conclude con due tentativi a rete dell'Aprilia, Morlock 39'm., Galluzzi 42'm.. La ripresa ha inizio con l'epilogo, la concessione di un secondo calcio di rigore per l'Aprilia trasformato dalla Maiorca il 2 – 1 che mette in cassaforte il risultato, fino al termine del triplice fischio. Nei minuti successivi alla gara il Tecnico dell'Aprilia Luigi Colantuoni incita all'ultimo sforzo alla squadra di non perdere la concentrazione, e mantenere la velocità sul giro e possesso palla, mentre il Vis Civitanova meglio nei primi 45'm., cerca nei migliori modi possibili di chiudere tutti gli spazi su ogni palla senza rendersi pericolosa in avanti, con pochi sussulti ed episodi di cronaca, e la pioggia battente a sprazzi si conclude l'incontro.