Campionato di Promozione : Alleanza Giovanile - Bucinese 0 a 1

28.10.2019 15:20 di Antonio Bruno   Vedi letture
Fonte: Ufficio Stampa Pol. Bucinese
Campionato di Promozione : Alleanza Giovanile - Bucinese 0 a 1

Alleanza Giovanile - Bucinese 0 a 1

ALLEANZA GIOVANILE: Bertini, Brachi, Fossi, Fantaccini, Martini, Segoni, Privitera, Giannoni, Farsi, Celentano, Montaguti. A disp.: Manzini, Focardi, Bonavita, Calabrese M., Segoni, Ciolli, Calabrese L., Alla Nesta, Fossi. All.: Sansone Raffaele. 

BUCINESE: Dini, Parisi, Bartolucci, Sala, Gualdani, Ezzechielli, Valcareggi, Kuqi, Tata, Rotesi, Savelli. A disp.: Ahudu, Mannozzi, Migliorini, Brandini, Bartoli, Papini, Magnanensi, Nofri. All.: Attili Andrea. 

RETI: 13° Sala

Era di vitale importanza fare risultato per mille motivi e vittoria, meritata, è stata. Rispetto alla partita persa con la Chiantigiana, rientra in difesa Bartolucci, per il resto Valcareggi fin dall’inizio, in mezzo al campo con Kuqi e Tata e Sala di punta con Savelli e Rotesi. Mossa vincente, al 7’ Valcareggi lancia Rotesi che dal fondo mette un palla in area, sul prima palo dove Sala di testa da posizione quasi impossibile la mette all’incrocio dei pali. Siamo padroni del campo, al 21’ lancio di Kuqi per Sala che per saltare il portiere in uscita si defila e al momento della conclusione colpisce un clamoroso palo. I padroni di casa tentano il forcing finale e al 39’ rischiamo quando Dini in tuffo respinge corta una conclusione, ma Parisi anticipa il suo diretto avversario mandando la palla in angolo. Al 45’ perdiamo palla in uscita, Dini si supera parando la conclusione ravvicinata di Farsi.

Per la prima volta in stagione andiamo al riposo in vantaggio ma al rientro in campo subiamo un po’ troppo i nostri avversari che per dieci minuti buoni ci mettono alle corde, ma la nostra difesa questa volta regge. Con il passare del tempo guadagniamo metri sul terreno di gioco tant’è che l’occasione più clamorosa capita al 83’ Mannozzi che, entrato al posto di uno stremato Savelli, prima recupera palla poi a tu per tu con l’estremo difensore avversario non trova di meglio che colpire debolmente di testa la palla mandandola tra le braccia del portiere. Inevitabile sofferenza finale, saranno sette i minuti di recupero, prima dei festeggiamenti per i primi punti conquistati.