Castiglionese vs Arezzo, il parere di Giorgio Ciofini

06.08.2022 22:41 di Antonio Bruno   vedi letture
Fonte: Giorgio Ciofini
Castiglionese vs Arezzo, il parere di Giorgio Ciofini

Un buon Arezzo passa di cinquina a Castiglion Fiorentino. La squadra di Fani, promossa in Eccellenza, ha rappresentato un buon test, dopo l'esordio con il San Donato. Nel primo tempo si sono viste le cose migliori. Indiani ha schierato un Arezzo, che si avvicina a quello che ha in testa, con il suo 4/3/3 a trazione anteriore. Falsettini tra i pali, Poggesi, Lazzarini, Bruni e Lorenzini nella linea a quattro, Settembrini, Castiglia e Damiani in mezzo, Gaddini, Diallo e Convitto in avanti. Il vantaggio amaranto, nel primo tempo, e stato siglato da Settembrini, al secondo centro stagionale e titolato capitano di questo nuovo Arezzo, che piace e convince sempre di più.

Nel primo tempo, protagonista con il capitano, Diallo. Il centravanti liberiamo è stato autore di alcuni spunti imperiosi, e fa intravedere le doti per cui Giovannini l' ha scelto. Noi siamo convinti che Cherif può fare sfracelli, in categoria. tra i più positivi del primo tempo, Lazzarini confermato stopper, Gaddini e Convitto, esterni di vero lusso.

Nella ripresa le squadre hanno cambiato tutto e, indubbiamente, la Castiglionese è quella che più ci ha rimesso. L'Arezzo ha fatto cinquina con Babakar (ottimo anche lui) e notevole il suo guizzo aereo, per il raddoppio amaranto. La perla del gol, però, a Castiglioni l'ha firmata Bianchi. Suo un vero eurogol, con tremendo mancino da fuori, che si è insaccato all'incrocio di Ermini, anche lui estasiato dalla prodezza. Con Bianchi e Samake, una citazione nella ripresa la merita Pericolini. Il 2004 da Pontevecchio, ha confermato la bella prova dell'esordio, e si propone all'attenzione di Indiani con la spensieratezza di un diciannovenne di gamba, personalità e belle speranze. Di Forte con destro radente dal limite e Pattariello (su rigore) gli altri due gol.

Alla fine del salmo a Castiglion Fiorentino, presente il sindaco Agnelli, si è ammirato un Arezzo convincente, che comincia a provare con convinzione pressing alto e fuorigioco, con qualche rischio. che tuttavia sarà sempre più calcolato.