Pieve al Toppo a lezione da Massimo De Paoli.

La Società del Presidente Gianluca Branchi punta su un progetto innovativo per il proprio settore giovanile, un investimento sulla preparazione tecnico-tattica dei propri allenatori.
06.11.2019 16:16 di Antonio Bruno   Vedi letture
Fonte: Ufficio Stampa Pieve al Toppo Daniele Vanni.
Pieve al Toppo a lezione da Massimo De Paoli.

Quest’anno la Polisportiva Pieve al Toppo ’06 ha messo a disposizione un progetto per il proprio settore giovanile diverso rispetto alle solite affiliazioni; un investimento sulla preparazione tecnico-tattica dei propri allenatori attraverso sei sedute con Massimo De Paoli, laureato in Architettura, dottore di ricerca in Rilievo e Rappresentazione dell’Architettura e dell’Ambiente nonché allenatore per quindici anni nel settore giovanile del Brescia Calcio per le categorie giovanissimi, allievi e primavera. Attraverso quest’esperienza ha potuto allenare giocatori come Diana, Bonazzoli, Baronio, Bonera, Guana, Agliardi, i quali successivamente sono riusciti a raggiungere i massimi livelli agonistici con la serie A ma soprattutto Andrea Pirlo, pluricampione d’Europa con il Milan e Campione del Mondo con la Nazionale Italiana nel 2006.

De Paoli è stato anche per cinque anni presso il settore giovanile dell’F.C. Internazionale di Milano vincendo lo scudetto del 2006 con i Giovanissimi Nazionali e arrivando terzo ai Mondiali di categoria svoltisi a Manchester. Fra i giocatori avuti in questa sede: Santon, Destro, Obi, Biraghi…

Autore dei libri: “Calcio: lo spazio e il tempo” e vincitore del premio Coni 2004 (sezione letteratura sportiva).

Gli incontri sono iniziati a partire dallo scorso 24 settembre, proseguendo poi in data 5 Novembre.La partecipazione si è allargata anche ad allenatori venuti da fuori come per esempio quelli della scuola calcio del Grosseto, interessati e stimolati dagli studi di De Paoli.

Gli argomenti approfonditi dal Professore fin qui sono stati:

Come le quattro dimensioni di Tempo, Spazio, Percezione e Linguaggio si combinano con le sfere calcistiche della Coordinazione, del Gesto Tecnico, della Tattica Individuale e di quella Collettiva.

L’importanza della visualizzazione e memorizzazione di una situazione fondamentale tanto per il giocatore quanto per l’allenatore.

Gli errori più comuni che vengono commessi in chiave comunicativa e gestionale mostrati attraverso il coinvolgimento dei ragazzini del settore giovanile e i loro Mister.

Infine quanto è importante all’interno della scuola calcio saper creare e coltivare un’empatia tra la figura di riferimento e il giovane allievo. Senza un approccio metacognitivo si verranno a costituire solo rapporti sterili i quali non saranno mai funzionali alla crescita del singolo giocatore e di conseguenza dell’intera squadra.

Nelle prossime sedute il Professor De Paoli passerà dalla teoria alla pratica, con esercitazioni differenziate sul rettangolo verde sia per gli allenatori che successivamente per i giocatori.

Appuntamento quindi al prossimo mese e per tutti coloro i quali avessero l’intenzione di partecipare allego il numero del Presidente Gianluca Branchi 3498581872.