“Giovani di Valore” : Francesco Monterosso

Francesco Monterosso, difensore centrale, classe 2004, lo scorso mese di dicembre è approdato all' Atalanta a titolo definitivo.
 di Antonio Bruno  articolo letto 898 volte
“Giovani di Valore” : Francesco Monterosso

Francesco Monterosso, difensore centrale, classe 2004, lo scorso mese di dicembre è approdato all' Atalanta a titolo definitivo. Il ragazzo, cresciuto calcisticamente nella Scuola Calcio di Elitè, ASCD Torino Club Marco Parolo, di Gallarate (VA) ha saputo mettersi all'attenzione degli addetti ai lavori, forte delle sue qualità tecniche e caratteriali. Francesco Monterosso, malgrado sia ancora giovanissimo è consapevole che l'impegno è importante e richiede seri sacrifici, però, la strada è quella giusta. Del resto, da sempre, l'Atalanta ha affidato il suo settore giovanile ad allenatori, seri e preparati, in tanti, ex calciatori di serie A e tutti in grado di sposare il progetto nero azzurro, Bergamasco e questo, non può che contribuire a migliorare le doti tecniche di Monterosso che ha tantissimi margini di crescita. Francesco è alto un metro e novanta e questo, contribuisce a farne forte centrale difensivo. Allo stesso tempo, di buone doti tecniche e forte di testa, elegante nei movimenti, sempre presente, in marcatura e nel rilanciare l'azione offensiva, sin da subbito, con i Giovanissimi Regionali, si è evidenziato, un'ottimo punto di riferimento, per la squadra. Lo dicevamo prima, Francesco Monterosso, calcisticamente è cresciuto nella Scuola Calcio di Marco Parolo, ex di Cesena e Parma e giocatore della Lazio e della Nazionale, dove Francesco ha incontrato il Preparatore Atletico Vittorio Praverio che hanno saputo favorire la sua crescita calcistica e sportiva ed erano diversi i Club che l'avrebbero richiesto, compreso il Novara, però, il Presidente Daniele Parolo e il DS Secondina Sandri hanno preferito cederlo all'Atalanta, riconoscendo in questo modo, sopratutto i meriti calcistici e caratteriali, del ragazzo, di buona comunicazione, sociale, altruista, sempre pronto a sacrificarsi per i compagni ed a dare il meglio, in partita e nei rapporti interpersonali, della vita di tutti i giorni, convincendo i massimi Dirigenti, nero azzurro a rilevarlo a titolo definitivo, con il Responsabile Maurizio Costanti ad effettuare l'operazione di trasferimento, con piena convinzione e portarselo al Centro Sportivo di Zingonia, dove ha cominciato ad allenarsi con i nuovi compagni.