PIANESE - GRASSINA 1 - 2

Il Grassina riscatta il passo falso delle scorsa settimana ed espugna il campo della Pianese ipotecando il successo con i gol di Diarrassouba e Baccini, i bianco neri provano a riaprire i conti con i Memorini, ma è tardi per recuperare.
11.10.2020 23:08 di Antonio Bruno   Vedi letture
Fonte: Ufficio Stampa ASD Grassina Lorenzo Topello
PIANESE - GRASSINA 1 - 2

PIANESE - GRASSINA 1 - 2

PIANESE (4-3-3): Wroblewski, Lattanzi (90' Lepri), De Lucia, Gagliardi, Chinnici, Kondaj, Simeoni, Candiano (55' Alonzi), Zini, Remorini, Arras. A disp.: Sorzi, Sabatini, Bernardini, Ghini, Lo Iacono, Tampwo, De Patre. All.: Guido Pagliuca.

GRASSINA (4-3-3): Cecchi, Del Lungo, Benvenuti, Matteo, Dainelli (46' Marafioti), Torrini, Degl'Innocenti, Nuti, Bellini (82' Bianchi), Diarrassouba, Baccini (87' Rosi). A disp.: Petrucci, Sottili, Alfarano, Cavaciocchi, Marzierli, Candia. All.: Matteo Innocenti.

ARBITRO: Torreggiani di Civitavecchia, coad. da Piomboni di Città di Castello e Alfieri di Prato.

RETI: 17' Diarrassouba, 69' Baccini, 72' rig. Memorini.

NOTE: Espulso all'85' Nuti per gioco scorretto. Ammoniti Remorini, Dainelli, Nuti, Benvenuti, Marafioti. Angoli 8-2. Recuperi 0'+5'.

Prestazione, risultato, sofferenza, attributi. La prima vittoria del Grassina 2020-21 è un remake del Grassina 2019-20, ma con il volume più alto. Perchè stavolta i tre punti servivano davvero, non tanto per una classifica che dopo solo due giornate poteva valere fino ad un certo punto, ma per ritrovare quella fiducia, quell'autostima che solo certe battaglie vinte possono regalare.

Battaglie, sì. Come quella di Piancastagnaio, dove i rossoverdi arrivano privi di Villagatti squalificato, ma con un Baccini scalpitante per l'esordio stagionale: eccolo là allora, il Baccio, nel tridente che lo vede integrato con la velocità di Bellini e del nuovo acquisto Diarrassouba, innescati dal trio Torrini-Degl'Innocenti-Nuti, che proteggono a loro volta la granitica coppia difensiva Matteo-Benvenuti e i terzini in quota Del Lungo e Dainelli (poi Marafioti). Il Grassina arriva compatto all'impegno contro la prima grande di questo girone, quella Pianese retrocessa dalla C in estate e piena di talento in tutti i reparti: Wroblewski tra i pali, Lattanzi-De Lucia-Gagliardi-Chinnici dietro, Kondaj e Candiano a dare una mano a Simeoni nel lavoro sporco, tridente Remorini-Arras-Zini. E sono i padroni di casa bianconeri a partire forte, con Remorini che al 5' si gira di prima intenzione e cerca l'incrocio più lontano; Cecchi vola e mette in corner. Il Grassina risponde con un filtrante in profondità per Diarrassouba che però mastica troppo la conclusione, facile per il numero uno avversario. L'attaccante ivoriano dei rossoverdi è però risolutivo al 17' quando porta in vantaggio i suoi: corner-schema di Degl'Innocenti, Baccini lascia scorrere per Bellini che piazza, respinge il portiere avversario, Benvenuti da terra colpisce il palo, Diarrassouba è il più lesto a mettere dentro. Gol al debutto: non male. La reazione dei locali è tutta in tiro di Arras che da ottima posizione calcia alto e un cross pericoloso di Chinnici su cui Cecchi deve sporcarsi i guantoni.

Ripresa: la Pianese alza il ritmo e colpisce il palo con Kondaj su corner dopo cinque minuti. Poco dopo Remorini ha una doppia occasione, ma calcia alto due volte. I rossoverdi difendono con ordine, concedendo soltanto i tentativi dalla distanza ai senesi, e appena hanno l'opportunità castigano di nuovo: 69', Degl'Innocenti apre alla grande sulla sinistra per Diarrassouba, doppio passo a disorientare Lattanzi e cross perfetto per il piattone di Baccini, che bacia la parte inferiore della traversa e insacca. Altro gol al debutto stagionale, stavolta per il Baccio, e 0-2. I bianconeri però la riaprono subito, non senza polemiche: al 72' il direttore di gara ravvisa un discutibile sandwich fra Del Lungo-Matteo e Alonzi e assegna un penalty ai locali; Cecchi intuisce il rigore di Remorini ma non riesce a toccare: 1-2 e gara riaperta. Nel finale succede di tutto: prima la Pianese rischia di farsi male da sola, con un retropassaggio suicida su cui Wroblewski salva sulla linea, poi Cecchi salva sul tiro-cross di Arras, infine, all'85', secondo giallo per Nuti e Grassina in dieci. I senesi si affidano alla long ball a cercare una sponda fortunata, ma la retroguardia rossoverde è roba da Fort Apache e disinnesca. Sipario: una gara sudatissima, una vittoria di lusso. Più concreto in avanti e dietro: il Grassina passa a pieni voti. E soprattutto si prende i primi tre punti in classifica.