… con Alessandro Rivi, Tecnico della Juniores Regionale del Antella

Alessandro Rivi:”Il girone è difficile, mancano formazioni di blasone, però, ci sono tante squadre che possono puntare alla leadership della classifica”.
27.08.2019 14:44 di Antonio Bruno   Vedi letture
Fonte: La Redazione di Sport a Km 0
… con Alessandro Rivi, Tecnico della Juniores Regionale del Antella

Il tecnico Fiorentino, Alessandro Rivi, parla a 36°gradi, sulla preparazione, sulle difficoltà che rappresenta il girone C, del campionato Regionale Juniores e dell' aspettative, per la prossima stagione:”Abbiamo iniziato da appena una settimana”. Esordisce Alessandro Rivi che continua:”I segnali per adesso sono positivi, anche se, non siamo ancora al completo a causa di qualche ragazzo ancora in vacanza con le famiglie e qualche altro, aggregato alla prima squadra. La preparazione è molto importante per tanti motivi, il primo ... per mettere le basi e poter disputare un buon campionato sotto il punto di vista atletico, poi, per poter iniziare a gettare le basi per costruire l’ossatura delle squadra e, non per ultimo, far integrare i ragazzi con quelli nuovi di cui già conosco abbastanza bene”.

Il tecnico, poi, sofferma la sua attenzione, sul girone che si dovrà confrontare il suo Antella:”Questo per tradizione è un girone molto insidioso e, come ho sempre detto, si avvicina molto al girone élite. Quest’anno, forse sulla carta, non vede ai nastri di partenza squadre di blasone. Ma ...secondo il mio punto di vista, il girone è composto da tante squadre che hanno tutte le carte in regola, per lottarsi la prima posizione e penso all' Atl. Castello, Luco, Pontassieve e per tradizione, la Sinalunghese e le due squadre aretine, poi... speriamo di esserci anche noi”.

L'aspettative di Mister Alessandro Rivi:”Il nostro obiettivo è cercare di far bene e vedere di raggiungere il massimo possibile se poi saremo noi a vincere saremo ancora più felici altrimenti faremo i complimenti agli avversari. Il nostro obiettivo è far bene e far crescere il più possibile i nostri ragazzi e traghettarli in prima squadra che milita nel campionato di Eccellenza”.