... con il difensore Francesco Colombini, Aglianese Calcio

Il difensore centrale fa il punto della situazione in casa neroverde: «Gruppo affiatato e compatto, tutti lavoriamo per un unico obiettivo»
09.12.2020 21:05 di Antonio Bruno   Vedi letture
Fonte: Ufficio Stampa Aglianese Calcio 1923
... con il difensore Francesco Colombini, Aglianese Calcio

Dopo essersi messa alle spalle l’ennesima domenica di pausa, l’Aglianese è pronta per la ripresa del campionato: domenica 13 dicembre la serie D si rimetterà in moto con la settima giornata di andata e la squadra di mister Colombini, in attesa di recuperare le due gare casalinghe rimaste in sospeso con Bagnolese e Corticella (seconda e quinta giornata), ospiterà al “Bellucci” i romagnoli della Sammaurese.

Francesco Colombini, omonimo del mister e perno della difesa, fa il punto della situazione in casa neroverde: «L’Aglianese sta facendo tutto quello che era nelle aspettative – dichiara il difensore centrale – naturalmente sappiamo che non sarà facile mantenere la media così alta ma posso assicurare che ci proveremo, giocando per vincere in ogni occasione».

La gara di Rimini rappresentava un test importante perché arrivava dopo il secondo stop forzato dall’inizio del campionato, portando con sé molti rischi dal punto di vista della tenuta fisica e mentale. «I rischi c’erano – spiega Colombini – ma società, staff e squadra hanno lavorato in maniera compatta fin dal primo momento per evitare cali di tensione e questo ci ha sempre dato tranquillità: l’intensità e la qualità degli allenamenti ci ha permesso di arrivare alla sfida con la giusta concentrazione».

L’unità d’intenti del gruppo ha influito molto sulla tenuta. «È raro trovare un gruppo così affiatato – afferma – in questa squadra tutti, nessuno escluso, lavorano sodo per l’obiettivo lasciando da parte le ambizioni personali. È un piacere lavorare in un clima del genere, in più ho trovato ottime persone anche dal punto di vista umano».

La Sammaurese ha raccolto tre punti in sei gare. «Ma non è una cattiva squadra – avverte Colombini – l’abbiamo vista giocare e sappiamo bene che sottovalutarla sarebbe un grave errore. Se vogliamo mantenere questi ritmi, dobbiamo sempre dare il meglio di noi a prescindere dall’avversario».

Più passano le giornate e più sembra defilarsi un duello con il Prato. «Non faccio nessun pronostico – precisa il giocatore – dico solo che dobbiamo arrivare al 6 gennaio nella miglior posizione possibile e poi lasciar parlare il campo. Sarà una bella sfida»..