Ravenna-Arezzo Le pagelle di Giorgio Ciofini

11.01.2021 14:03 di Antonio Bruno   Vedi letture
Fonte: Giorgio Ciofini
Ravenna-Arezzo Le pagelle di Giorgio Ciofini

A passo di lumaca

A passo di lumaca. Quando Camplone sbarcò al Comunale erano novantasei i punti in palio. Ai tempi correva la sesta giornata e s’era inchiodati al punticino di Potenza, con il Padova capolista in arrivo. Meglio non rivangare, no? Dopo 18 giornate, a un passo dal giro di boa, la classifica piange più di prima. A Ravenna siamo entrati in doppia cifra, come i bomber. Abbiamo fatto 10, ma i punti in palio sono scesi a sessanta e ci siamo tenuti ben stretti il fanalino di coda (con tanti ladri in giro non si sa mai), la penultima (l’Imolese) ci precede di due e ci troviamo ad otto punti dal confine play out, dove siedono il Legnago e la Vis Pesaro. Insomma siamo in in serie utile da tre giornate, ma lumache e per uscire a riveder le stelle, c’è da diventare gazzelle. Più che un allenatore, qui ci vorrebbe Ovidio. Eppure non disperiamo. Perfino in questi tempi smunti come vacche africane, la speranza è in arrivo dal mercato. C’è una società che provvede. A Ravenna abbiamo avuto le prime conferme. Le prove dei tre deb sono state incoraggianti. Ma c’è da correre a perdifiato nella savana per la salvezza. Con quei ghepardi del Cesena alle costole, meglio passare, il cuore in gola, alle pagelle di giornata.

Sala: Ultimamente non ci riesce proprio di dargli un voto. Buon segno per una difesa che, al Benelli, ha fatto trenta. Il nostro Andrea sta novanta minuti a guardare. Roba da impresa totale, con quel freddo. Sv

Luciani: il vecchio Lucio nel terreno saponetta ha fatto fare la lumaca a Martignano. Protagonista anche nei due minuti della rimonta sprecata e firmata Di Paolantonio. Voto: 6

Sbraga: La sua stazza lo ha aiutato a stare in piedi sul terreno saponetta. Ha conferito peso e autorevolezza a tutto il reparto. Buona la prima di Andrea. Voto: 6,5

Cherubin: Al Benelli è parso risanato anche dal nuovo compagno. Si è intravista un’intesa naturale, tra il destrorso e il mancino nel cuore della difesa da risanare, come il nostro Nic. Voto: 6

Karkalis: Si è visto alla prima palla, che gli mancavano un paio di centimetri di tacchetti. Tra scivoloni e sgassate promettenti, il debutto del nostro Cecco. Voto: 5,5

Arini: In quel centrocampo storto, con Dipa vice Cutolo, quasi tutti i palloni transitano dal Samurai. La palla viaggia piano, ma lentamente sta diventando il catalizzatore. Voto: 6

Altobelli: Daniele debutta a sorpresa e porta peso ed esperienza là in mezzo. Due qualità che ci saranno molto utili, per diventare gazzelle. Voto: 6

Di Paolantonio: Da play, da interno, o da sottopunta, Ale è necessario come il pane al tempo di guerra. Sue le uniche giocate Al Benelli. Ha anche firmato la rete del pari. Voto: 7

Belloni: Soffre la parte mancina del campo, il nostro Nic piede lesto, l’aggressività di Vanacore e in ripartenza non si vede. Voto: 5

Cutolo: Fuori ruolo e fuori condizione, Nello non riesce a dare il suo contributo. Pesta l’invito di Altobelli, che lo avrebbe messo solo di fronte a Tonti. Tra Covid e cottimo, il capitano ha bisogno di ricaricare le pile. Voto: 5

Cerci: È una delle migliori nuove dal Benelli. Intendiamoci. Dista ancora anni luce dal miglior Cerci, ma è un nuovo Alessio, almeno nello spirito. Suo il tiro respinto da Tonti, che offre l’assist a Dipa per il pari. Voto: 6,5

Maggioni: Entra per i crampi di Karkalis e da il suo contributo. Sv

Piu: Il ripescato nell’emergenza, in attesa di quel che dirà il mercato, timbra il cartellino. Sv

Zuppel: Un altro quarto d’ora di esperienza per il nostro Diego, che cresce a vista d’occhio anche in altezza. Sv

Mousa: Entra per ultimo e per gli spiccioli. Questo 2001 ha fisico statuario e atteggiamento da giocatore navigato. Il tocco va sgrezzato, ma questo ragazzone arrivato da Tortona è molto interessante. Sv