Poggibonsi-Montespaccato. Federico Mazzolli in conferenza stampa

18.11.2022 22:31 di Antonio Bruno   vedi letture
Fonte: Ufficio Stampa US Poggibonsi, Giulio Valenti
Poggibonsi-Montespaccato. Federico Mazzolli in conferenza stampa

“Il Poggibonsi ha ritrovato il suo smalto migliore e adesso non può permettersi di abbassare la tensione. Il sistema per non perdere ritmo è continuare il lavoro meticoloso che stiamo svolgendo negli allenamenti.

Non era facile uscire dal periodo negativo di inizio campionato, ma ci siamo tirati fuori dai bassifondi della classifica da gruppo vero. 
Anche per me si è trattato di un avvio complicato, forse più a livello mentale che fisico. Quando però si risolvono i problemi con la forza dello spogliatoio, poi ne beneficia anche il singolo.

Nel calcio ci sono i momenti. Ne abbiamo attraversato uno buio probabilmente perché pensavamo ancora ai fasti dell’anno scorso, nonostante ogni stagione sia completamente diversa dall’altra. Cambiando atteggiamento abbiamo corretto il tiro e raddrizzato il timone.
A Seravezza le palle inattive sono state un fattore. Proviamo molto i calci piazzati in settimana e sia io che Riccobono che siamo i battitori possiamo sfruttare le abilità dei nostri compagni.

Le punizioni e i calci d’angolo sbloccano e determinano la maggior parte delle gare.
In questa categoria giocare con tre vecchi in mezzo al campo può fare la differenza. Il Poggibonsi con gli over a centrocampo è solido, ma ciò non toglie nulla ai giovani che possono essere impiegati di volta in volta.

Raramente mi ero fermato per due anni di fila nella stessa squadra. A Poggibonsi però ho trovato l’ambiente giusto per me, dove già ero stato molto bene in passato. Il benessere esterno del calciatore poi si trasmette anche sul campo.

Contro il Montespaccato sarà una gara dura. Ultimamente hanno battuto il Livorno e fermato sul pari l’Arezzo. Arriveranno allo Stefano Lotti con convinzione dei loro mezzi.

Noi conosciamo l’entità dello scoglio che affronteremo e con umiltà faremo la nostra partita.

I nostri attaccanti sono in grande spolvero. Le reti di Regoli e di Riccobono aiutano molto e permettono alla difesa e al centrocampo di svolgere il proprio compito con tranquillità.

Anche l’apporto di Bellini e di Mignani però è imprescindibile per la squadra.
Purtroppo si è verificata nuovamente la defezione di Motti, che sappiamo quanto avrebbe potuto darci.

Ancora la prima marcatura stagionale non è arrivata. Devo cercare di mettere nella testa la voglia di incidere anche in zona goal; spero a breve di poter esultare, magari con una parabola su calcio di punizione.”