Grassina-Sangiovannese 1-1

14.04.2021 22:28 di Antonio Bruno   Vedi letture
Fonte: Ufficio Stampa ASD Grassina Lorenzo Topello
Grassina-Sangiovannese 1-1

Grassina-Sangiovannese 1-1

GRASSINA (4-3-3): Mataloni, Sottili, Salvadori, Villagatti, Benvenuti (73’ Del Lungo), Torrini, Degl’Innocenti (60’ Zagaglioni), Nuti (78’ Favilli), Calosi (73’ Baccini), Marzierli, Diarrassouba (66’ Bellini). A disp.: Cecchi, Alfarano, Cavaciocchi, Marino. All.: Matteo Innocenti. 

SANGIOVANNESE (4-2-3-1): Cipriani, Lorenzoni, Barellini, Videtta, Migliorini, Baldesi, Ceccuzzi, Gerardini (81’ Mencagli), Lunghi, Bencini, Jukic (66’ Falomi). A disp.: Allegranti, Vannini, Bianchi, Nannini, Cirri, Torricelli, Romanò. All.: Fabio Pallari. 

ARBITRO: Liotta di Castellammare di Stabia, coad. da Jorgii di Albano Laziale e Tagliaferro di Caserta. 

RETI: 71’ Falomi, 83’ Baccini. 

NOTE: Ammoniti Benvenuti, Del Lungo, Bencini. Angoli 4-7. Recupero 0’+6’.

C’è pareggio e pareggio. A Ostia il rimpianto più colossale è quello di essersi fatti rimontare nonostante la doppia superiorità numerica, stavolta con la Sangiovannese si può sorridere per aver finalmente reagito ad uno svantaggio nel finale, e allo stesso tempo conservare un po' di amarezza per un’occasione a tempo scaduto non tramutata in gol: ad Ostia era toccato a Marzierli, stavolta a Villagatti.

Grassina-Sangiovannese è prospettiva totalmente ribaltata rispetto agli scontri dello scorso anno, quando i rossoverdi, col vento in poppa verso i playoff, affrontavano una squadra in piena lotta per non retrocedere; stavolta accade il contrario, col pallone che, quando transita tra i piedi del Grassina, sembra pesare un po' di più. Nonostante la tensione per la necessità di dover continuare a muovere la classifica, i rossoverdi giocano una prima frazione ordinata: i rientri dal primo minuto di Salvadori e Degl’Innocenti portano tranquillità a tutto il collettivo, ed è proprio quest’ultimo a provarci a metà tempo, con un destro violento che termina largo. Gli ospiti concedono poco, e solo Marzierli impegna Cipriani al 27’ con una conclusione ben preparata ma centrale. Per il resto, tatticismi e studio la fanno da padrone, ed i primi 45 minuti vanno in archivio senza troppi rimpianti.

La ripresa è più vivace: al 48’ Nuti libera Calosi in area, ma il sinistro del classe 2001 viene inghiottito da Cipriani in uscita. Poi esce alla distanza la squadra ospite che in dieci minuti alza la pressione e capitalizza alla quarta occasione: prima Ceccuzzi colpisce in pieno la traversa su punizione (61’), poi due colpi di testa di Jukic finiscono di poco sopra la traversa di Mataloni, infine al 71’ Falomi (subentrato al posto di Jukic) svetta in area su corner e porta i suoi in vantaggio. È una doccia fredda per i rossoverdi che però tirano fuori l’orgoglio: all’83’ il Baccio, entrato da una decina di minuti, riceve bene da Marzierli e col piede debole pareggia, facendo tornare la garra giusta ai suoi, che alzano la pressione alla ricerca della vittoria e la sfiorano al 92’, quando un cross profondo di Torrini trova Villagatti completamente solo in area, ma il destro piazzato del capitano finisce clamorosamente fuori. E’ un finale che lascia amarezza sul più bello per il Grassina, capace finalmente di rimontare lo svantaggio e vicinissimo, ancora una volta, ai tre punti. Appuntamento rimandato a domenica, in casa del Tiferno.